Come fare i Pansoti genovesi

come fare i pansoti

Come fare i Pansoti, tipica pasta fresca Genovese, è una curiosità che su internet viene affrontata frequentemente. Sono come dei ravioli o tortelli con la pancia o “pansa” in genovese, da qui il nome “Pansoti” o Pansotti per chi non è di Genova.

Sulla loro storia come spesso accade in cucina, c’è un vero mistero, le cronache raccontano di una presentazione dei “Pansoti” per la prima volta sulla scena culinaria, a una festa gastronomica di Nervi nel 1961, preparati da un noto ristorante di Recco, famosa località nei dintorni di Genova conosciuta per la focaccia col formaggio.Qualcuno invece dice che già nel 1931, in una guida gastronomica, apparivano i Pansoti, presentati da un ristorante di Rapallo, altra località nei dintorni di Genova.

Su come fare i Pansoti poi, vi sono diverse teorie, sia per la forma, similare in tutte le versioni vista la tipica pancia, che per il ripieno, comunque sempre “magro” ovvero di verdura.

Il Preboggion, un misto di erbe selvatiche tipiche della Liguria è quello che va per la maggiore, poi vi sono la borragine, gli spinaci, le bietole, la cicoria altre erbe che cambiano a seconda di chi li prepara.

Oggi siamo tornati dai ragazzi del  Pastaio di Terralba per farci raccontare come fare i Pansoti, ecco la loro versione:

INGREDIENTI:

  • Per il ripieno:

150 g  di boraggine precedentemente lessata e strizzata

25 g  di parmigiano

300 g ricotta di capra

1 uovo

Aglio e maggiornana tritate

Sale qb

Un pizzico di noce moscata

  • Per la pasta:

1 kg di farina granito

1 uovo

Acqua e sale qb

Si prepara il ripieno mescolando gli ingredienti dopo aver lessato e strizzato bene le foglie di boraggine, ottenuto il ripieno omogeneo ci si aiuta con una saccapoche utilizzando un beccuccio medio, dopo aver tirato la sfoglia sottile e tagliata a quadretti, si deposita il ripieno, poi si crea a mano la forma del “pansoto”. Qui si vede l’abilità del pastaio.

I Pansoti si gustano con il sugo di noci, alcuni li preferiscono con burro e salvia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.