Via Garibaldi Genova

Via Garibaldi a Genova. Entriamo nella via più importante di tutta la parte storica genovese, una strada elegante che piace al visitatore straniero subito, a prima vista.

Via Garibaldi ha un preciso anno di nascita il 1550, Originariamente denominata strada Maggiore, poi strada Nuova,  e fino all’ ottocento fu conosciuta con il nome di via Aurea. Nel 1882 venne infine dedicata a Giuseppe Garibaldi .

La sua costruzione durò circa 40 anni e cominciò grazie a quello che può essere definito il primo piano di lottizzazione urbana d’Europa, protagonista una delle famiglie più ricche in città, i Grimaldi, i quali comprarono tutta l’area e la trasformarono in una delle zone più belle e sontuose d’Europa.

La via è un rettilineo di 250 metri, con una larghezza di 7,5 metri  la strada pedonale dal 13 luglio 2006 è inserita, insieme a tutto il sistema dei suoi maestosi palazzi dei Rolli, fra i Patrimoni dell’Umanità  dell’UNESCO.

Percorrendo il rettilineo circa a metà di via Garibaldi cominciamo a scoprire i palazzi più importanti della città, al civico numero 7 uno dei più fotografati, Palazzo Podestà risalente al 1565.

Continuando via Garibaldi al civico 9 Palazzo Doria Tursi risalente al 1565 e dal 1848 ospita la sede del Municipio di Genova.

Infine il Palazzo Rosso situato al n. 18, è uno dei palazzi relativamente più recenti di via Garibaldi e prende il nome dal caratteristico colore rosso genovese che lo contraddistingue. Fu infatti edificato a partire dal 1670 su progetto di Pier Antonio Corradi per i fratelli Ridolfo e Gio. Francesco Brignole-Sale. Forte di due piani nobili, alla morte di Ridolfo passò in intera proprietà al fratello secondogenito. Nel 1874 gli ultimi discendenti del casato dei Brignole-Sale ne fecero dono al Comune perché venisse adibito a museo.

Di fronte a Palazzo Rosso, Palazzo Bianco come questi prende il nome dal colore che lo caratterizza. È al numero civico 11 e dal 1889 è un bene municipale adibito a museo vanta un’ importante pinacoteca.

Entrambi palazzi storici in cui vi risiedono due dei musei più importanti di Strada Nuova.

Percorrere i 250 metri lineari di via Garibaldi vuol dire entrare nella storia di di Genova.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.