Le Torri di San Lorenzo Genova

Le Torri di San Lorenzo a Genova, una meraviglia da non perdere soprattutto se siete genovesi. Si perché solitamente, se si vive nella città in cui vi sono certe meraviglie, si tende poi a ignorarle, guardandole da fuori senza avere la percezione che può avere un turista.

Svettano sulla Cattedrale omonima, e sono visibili da diversi punti della città, come una sorta di riferimento da seguire. per questo motivo i genovesi rispetto ai turisti tendono a darle per scontate. Diciamo questo perché ci siamo resi conto di quanti concittadini non siano mai stati in cima alle Torri.

La visita alle Torri di San Lorenzo è un percorso in ascesa con passaggio obbligatorio all’interno della Cattedrale. Una scalinata comincia a salire e quando tirate il primo respiro ecco la prima tappa. Ci si trova a percorrere la Tribuna del Doge da cui si gode di una vista mozzafiato sulla navata centrale della Cattedrale, immergendo il visitatore in una sorta di viaggio temporale.

Poi, dopo aver preso fiato, si sale fino alla loggia di Giovanni da Gandria che conclude la torre di nord–est per godere di un punto di vista particolarmente privilegiato da cui esplorare con lo sguardo i tetti della città.

Per diversi minuti potrete provare qualcosa di unico, respirando quella sensazione di essere dentro la storia, avendo la Superba ai vostri piedi, sia verso sud che verso nord. Lo spettacolo dei tetti del centro Storico più grande d’Europa e quello dei monti a ridosso della città che rendono l’idea di come Genova sia davvero particolare in tutto il suo splendore. Una vista alle Torri la consigliamo davvero a tutti.

Torneremo a parlare ancora di San Lorenzo e dei suoi tesori nascosti dove fare scoperte incredibili.

Seguiteci !

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.