Il pesto genovese

Il pesto genovese è una delle salse più famose al mondo, e probabilmente una delle più imitate. La sua preparazione spesso è oggetto di discussione, qualcuno dice che si può usare anche il frullatore, ma non è così.

Mortaio, pestello e 7 ingredienti, che qualcuno ha definito i “magnifici sette”:

  • 4 mazzi (60-70 g. in foglie) Basilico Genovese D.O.P., garanzia della tipicità di profumo e sapore
  • 30 g. Pinoli
  • 45-60 g. Parmigiano Reggiano Stravecchio grattugiato
  • 20-40 g. Fiore Sardo grattugiato (Pecorino Sardo)
  • 1-2 Spicchi d’Aglio di Vessalico (Imperia)
  • 3 g. Sale Marino Grosso
  • 60-80 cc. Olio Extra Vergine di Oliva “Riviera Ligure” D.O.P., dolce e fruttato, esalta il profumo del Basilico e del condimento

Ma, si può descrivere il Pesto Genovese ?

La maggior parte di noi che viviamo a Genova, da bambini avevano una nonna che andava al mercato a prendere il basilico fresco, poi solitamente il resto degli ingredienti era già in casa. Ebbene, mia nonna faceva così, tornava dalla spesa, metteva tutto a posto, apriva una credenza e si metteva al lavoro…

Immaginate ora un tavolo grande, delle foglioline di basilico fresco di Pra, quello originale, una bottiglia di olio d’oliva extravergine, mi raccomando quello della Riviera Ligure se volete sentire il gusto vero del prodotto finito.

Poi un pacchettino con dei pinoli, che siano pinoli e non affini, del parmigiano grattugiato,  possibilmente invecchiato almeno 36 mesi, un pezzetto di pecorino sardo, uno spicchio d’aglio, possibilmente di Vessalico, quando lo trovate, infine un pochino di sale.

Poi immaginate un mortaio con il pestello di legno e piano, piano, un rumore regolare, infine, un profumo inconfondibile che aleggia nella stanza.

La magia è pronta !

Oggi questa “magia” verde viene celebrata in tutto il mondo, e ogni 2 anni viene organizzato un Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio che decreta il più bravo nel mondo a creare la magica salsa.

Le finali si svolgono nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale a Genova, insomma una bella vetrina per la “vecchia Superba”. Sicuramente una vetrina meritata anche per il fatto che oramai è certo da molto tempo che, la salsa verde più imitata al mondo è quella che chiamano “genovese”. Il Campionato del Mondo ha rilanciato sia l’immagine del prodotto autoctono che la città di Genova, spesso relegata solo per cose negative e mai per la magnificenza, le lodi che in passato non a caso la definivano Superba.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Originario dell’India il Basilico ha viaggiato molto nei secoli, attraversando varie civiltà, utilizzato sia come pianta aromatica che medicinale, ve ne sono diverse specie, quello italiano è il più conosciuto, visto il suo utilizzo in cucina,  quello di Prà è l’unico vero Dop, se vogliamo preparare il vero pesto alla genovese. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *